Imre Janos BEKEY

Cognome:
BEKEY
Nome:
Imre Janos
Data di nascita:
Luogo di nascita:

Budapest
Ungheria

Stagioni:
1924-1928
Note biografiche:

Imre Janos Bekey (Budapest, 27 gennaio 1889 – ...) è stato un allenatore di calcio e calciatore ungherese.

Il 27 gennaio 1889 nacque a Budapest, capitale dell'Ungheria, Imre János Bekey, calciatore e allenatore di calcio ungherese, che giocò come centrocampista nel ruolo di centromediano dal 1907 al 1923. Fu poi allenatore di calcio dal 1924 al 1943. 

Morì non è documentato né quando né dove.

Nota: Bekey fu allenatore scrupoloso ed amante della disciplina, anche molto attento alla condizione atletica dei giocatori.

Bekey allenò il Novara Calcio - Associazione Calcio Novara - Nel 1935-36 2º in Serie B. Promosso in Serie A. Sedicesimi di finale di Coppa Italia.

Ecco in sintesi la carriera di Imre János Bekey. Nell'ordine sono indicate le stagioni, le squadre di club (con → sono segnati i prestiti) e le Nazionali nelle quali ha militato, il numero di presenze in campionato, il numero di gol segnati (tra parentesi) e infine il nome che le squadre avevano in quegli anni, nonché le Serie nelle quali militavano e i risultati conseguiti:

Calciatore

Squadre di club

19?? - MTK Budapest - ? (?) - Magyar Testgyakorlók Köre Budapest Futball Club - ?

Allenatore

1924-27 - Vicenza - Associazione Del Calcio Di Vicenza -

- Nel 1924-25 - 1º nel girone D Nord della Seconda Divisione dopo aver vinto gli spareggi. Viene punito per i tesseramenti irregolari degli ungheresi Horváth e Molnár, e relegato all'ultimo posto con conseguente retrocessione. Successivamente, la società addiviene ad un compromesso con la FIGC che lo reintegra in organico in soprannumero.

- Nel 1925-26 - 9º nel girone D Nord della Seconda Divisione. Al termine della stagione, viene relegato nel nuovo Direttorio Divisioni Inferiori Nord per riforma dei campionati.

- Nel 1926-27 - 3º nel girone C Nord della Seconda Divisione. Terzo turno di Coppa Italia.

- Nel 1927-28 - 10º nel girone E Nord della Seconda Divisione. Retrocesso nella nuova e declassata Seconda Divisione Nord.

1928 - Verona - Football Club Hellas Verona - 11º nel girone B della Divisione Nazionale. Ripescato dalla Federazione per allargamento del campionato.

1928-30 - Pro Patria - Pro Patria et Libertate Unione degli Sports Bustesi -

- Nel 1928-29 - 5ª nel girone B della Divisione Nazionale.

- Nel 1929-30 - 12ª in Serie A.

1931-32 - Vicenza - Associazione Calcio Vicenza - 8º nel girone A della Prima Divisione.

1933-34 - Verona - Associazione Calcio Verona - 11º nel girone B della Serie B.

1934-35 - Venezia - Associazione Fascista Calcio Venezia - 11º nel girone B della Serie B. Retrocesso in Serie C.

1935-36 - Novara - vedi sopra

1936-38 - Pro Patria - Pro Patria et Libertate Unione degli Sports Bustesi -

- Nel 1936-37 - 5ª nel girone B della Serie C. Primo turno eliminatorio di Coppa Italia.

- Nel 1937-38 - 4ª nel girone B della Serie C. Terzo turno eliminatorio di Coppa Italia.

1938-39 - Vigevano - Associazione Calcio Vigevano - 14º in Serie B per peggior quoziente reti.

1939-40 - Pro Patria - Pro Patria et Libertate Unione degli Sports Bustesi - 3ª nel girone C della Serie C. Qualificazioni di Coppa Italia.

1940-43 - Marzotto Valdagno - Dopolavoro Aziendale Marzotto -

- Nel 1940-41 - 6º nel girone A della Serie C. Terzo turno di Coppa Italia.

- Nel 1941-42 - 9º nel girone A della Serie C.

- Nel 1942-43 - 11º nel girone B della Serie C. Retrocesso in Prima Divisione ma successivamente ammesso alla Divisione Nazionale della Repubblica Sociale Italiana.

Palmarès

Allenatore

Club

Competizioni nazionali (Italia): Serie B: 1   (Novara: 1935-36)

Imre Bekey era un allenatore di nome e di fama internazionale, al pari dei suoi conterranei Sedlacek e Wilheim, oltre ad essere stato per oltre 13 anni, giocatore nel ruolo di centromediano dell'M.T.K Budapest, una delle più importanti squadre magiare del tempo e di tutta Europa, nello stesso ruolo giocava nella nazionale ungherese.

Incarnava in pieno lo spirito austro-ungarico, che ancora aleggiava sull'Europa del tempo, era un allenatore scrupoloso, severo, rigido nell'appliccare la disciplina sia in campo che fuori; ma soprattutto era un vero appassionato al gioco del calcio, con alcune idee innovative, che guardava già con molto interesse alla preparazione atletica dei calciatori, trovando in questo una valida sponda alla Pro Patria, con Carlo Speroni, campione del mondo di marcia ed olimpionico.